Statistiche web

PAVIA BAROCCA - L' EPOCA D'ORO DI OBOE E FAGOTTO

18set21:0022:00PAVIA BAROCCA - L' EPOCA D'ORO DI OBOE E FAGOTTO

Event Details

L’ EPOCA D’ORO DI OBOE E FAGOTTO
Viaggio nell’ Europa musicale del ‘700

Ensemble Zefiro

Alfredo Bernardini, oboe
Paolo Grazzi, oboe
Alberto Grazzi, fagotto
Patxi Montero, violone e viola da gamba
Anna Fontana, clavicembalo

A partire dalla sua nascita, attorno agli anni ‘50 del 1600, l’oboe (assieme al fagotto, suo omologo nel registro grave) viene identificato come lo strumento-simbolo del periodo più rilevante dal punto di vista musicale e non solo della monarchia francese. Sotto il regno di Luigi XIV infatti la Francia diventa il punto di riferimento di tutte le altre monarchie ed esercita una grande influenza – sia politica sia culturale – sull’intera Europa. Da qui il desiderio da parte dei ceti nobili di imitare in tutti gli aspetti la corte francese, anche, per esempio, assumendo al proprio servizio oboisti e musicisti di nazionalità o formazione francese. Di conseguenza, già alla fine del ‘600, troviamo oboisti stabilmente assunti e/o attivi nei più rilevanti centri musicali d’Europa come Amburgo, Dresda, Londra, Venezia e Torino.
Il programma di questa sera intende condurre il pubblico in un viaggio in musica che percorre l’ascesa dell’oboe e del fagotto attraverso le sue declinazioni nei diversi stili nazionali: da Georg Friedrich Händel, grande estimatore dello strumento da lui utilizzato ampiamente in opere, oratori e nella musica da camera, ai fratelli catalani José e Juan Baptista Pla, loro stessi, oltre che compositori, anche grandi virtuosi dello strumento che esibirono in tour attraverso l’Europa, da François Couperin, compositore di corte di Luigi XIV ad Antonio Vivaldi, entusiasta sostenitore dell’oboe che, tra le sue composizioni, conta ben 20 concerti solistici per quello strumento, ed infine Jan Dismas Zelenka insigne rappresentante dell’importante fase tedesca dello strumento.

 

PROGRAMMA

Georg Friedric Händel (1685-1759)
Sonata op.2 n.3 in fa maggiore (Londra, 1733) per 2 oboi e basso continuo

Josep and Joan Baptista Pla (ca.1750)
Sonata n.6 in mi bemolle maggiore per 2 oboi e basso continuo

François Couperin (1668-1733)
Sonade, in mi minore  per 2 oboi, viola da gamba e basso continuo
from La Françoise (Les Nations, Paris, 1726)

Antonio Vivaldi (1678-1741)
Sonata a 4 in do maggiore RV 801, per 2 oboi, fagotto e basso continuo

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Suite Englese n.5 in Mi minore BWV 810 (clavicembalo solo)

Jan Dismas Zelenka (1679-1745)
Sonata 2 in sol minore (Praga/Dresda, ca.1723) ZWV 181/2, per 2 oboi, fagotto e basso continuo

 

Realizzato d’intesa e con il contributo del Comune di Pavia.
Nell’ ambito di ‘ La città come palcoscenico’.

Per assistere ai concerti è obbligatorio essere in possesso del Green Pass in corso di validità e l’ uso della mascherina.
€ 20,00 settore unico numerato – tariffa intera
€ 10,00 settore unico numerato – tariffa ridotta per: Under 30, Over 65, tesserati FAI, Soci di Ghislierimusica, Amici di Ghislierimusica, Abbonati alla stagione 2019/2020, dipendenti Comune di Pavia, dipendenti Università di Pavia
I biglietti saranno in vendita il giorno del concerto a partire dalle ore 19:30 presso la sede del concerto.
Per prenotazioni scrivere a biglietteria@ghislieri.it

 

Data e ora

18/09/2021 21:00 - 22:00(GMT+02:00)

Location

Pavia, Aula Magna del Collegio Ghislieri

Piazza Ghislieri, 6

Altri eventi

Get Directions