Il protocollo di sicurezza del Collegio Ghislieri sul Giorno e su Rai 3

Il protocollo di sicurezza del Collegio Ghislieri ha ottenuto ampio spazio sulla stampa e in tv: nel giro di pochi giorni gli sono stati dedicati un articolo sul quotidiano Il Giorno e, su Rai 3, un servizio del Tg Regione Lombardia.

Sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria, infatti, il Collegio Ghislieri ha adottato delle stringenti misure di sicurezza che hanno garantito la regolare prosecuzione dei servizi – a cominciare dal mantenimento di vitto e alloggio per gli studenti – rimodulandoli in base ai nuovi accorgimenti. Grazie a queste norme il Collegio ha potuto restare sempre aperto e funzionante nel corso degli ultimi mesi minimizzando i fattori di rischio.

Il testo completo del protocollo di sicurezza può essere letto nel dettaglio cliccando qui. Il monitoraggio e l’applicazione sono garantiti da un Comitato CoVid-19, composto dal Consigliere Delegato e Rettore, dal Medico competente, dal RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) e dal RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sul luogo di lavoro). Il Collegio ha inoltre nominato un medico di riferimento per la gestione della situazione sanitaria e un responsabile del protocollo anti-contagio, col compito di coordinare l’intervento che dovesse rendersi necessario in caso di sviluppo di sintomi febbrili o respiratori da parte di uno studente.

La diffusione pubblica del protocollo assume nuova rilevanza quest’estate, alla vigilia dell’accoglienza di nuovi studenti per l’anno accademico 2020-’21. Come sempre nella tradizione del Collegio, il rispetto delle norme è ascritto alla consueta professionalità dei dipendenti, ai quali va il nostro ringraziamento, e alla responsabilità di cui gli studenti si dimostrano capaci. Per questo il primo punto chiave delle misure di sicurezza è senz’altro l’informazione: sono stati affisse istruzioni riguardanti l’obbligo dell’osservanza delle regole igieniche; gli studenti hanno ricevuto precise comunicazioni relative alla normativa e all’obbligo di dichiarare tempestivamente il proprio stato di salute; i dipendenti sono stati specificamente  formati al riguardo, con particolare attenzione alle ricadute concrete sulle rispettive mansioni; un’informativa è stata diramata anche ai fornitori esterni, per regolarne l’accesso alla struttura e lo svolgimento delle attività.

Il secondo principio che il Collegio ha scelto di seguire è quello improntato a una ragionevole attenzione. Al momento, ogni alunno viene sottoposto quotidianamente alla misurazione della temperatura, secondo le linee guida indicate dal relativo Dpcm, e trova a disposizione gel igienizzanti negli ambienti del Collegio. L’accesso ai visitatori esterni (inclusi familiari, amici e conoscenti) è provvisoriamente escluso salvo motivi eccezionali. In tal caso, oltre che all’autorizzazione da parte del Rettore, l’accesso è condizionato a rilevazione della temperatura, disinfezione delle mani e utilizzo della mascherina. Ai visitatori è consentito recarsi solo nelle zone limitate e definite nei pressi dell’ingresso, utilizzate a questo unico scopo e sanificate quotidianamente. Non è in alcun modo consentito l’accesso a visitatori che, nei quattordici giorni precedenti, abbiano avuto contatti con soggetti risultati positivi al CoVid-19 o provengano da zone a rischio; è invece consentito, sempre a titolo eccezionale, l’accesso di visitatori in possesso di certificazione medica da cui risulti la avvenuta negativizzazione del tampone secondo le modalità previste. L’accesso dei fornitori è regolato da procedure di ingresso, transito e uscita, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite allo scopo di ridurre le occasioni di contatto con studenti e personale.

Il terzo principio seguito nella definizione delle norme è la precauzione. A ogni persona presente in Collegio è richiesto di adottare tutte le necessarie precauzioni igieniche; gli studenti sono stati sensibilizzati a creare ordine e ad arieggiare il più possibile la propria camera per consentire al personale di effettuare le pulizie nella maniera più efficace. Le aree comuni possono essere utilizzate dagli studenti rispettando il distanziamento sociale e le norme vigenti per gli spazi pubblici; le aule studio, le sale ricreative, la palestra e le altre aree comuni sono sottoposte a sanificazioni ad alta frequenza. L’accesso al refettorio e alla sala colazione è regolamentato dal protocollo della società Pellegrini SpA, che si occupa del servizio di ristorazione e ha in comodato d’uso i locali in oggetto. In particolare è necessario indossare la mascherina a eccezione del momento della consumazione del pasto; è obbligatorio utilizzare guanti di plastica monouso o tovaglioli di carta per toccare superfici ed oggetti di uso comune (ad esempio le brocche dell’acqua); le tavole sono apparecchiate rispettando la distanza di un metro tra un commensale e l’altro; sono stati eliminati i buffet ed è stato predisposto un percorso obbligato per il ritiro del pasto.

Informazione, attenzione e precauzione sono gli elementi fondamentali delle linee guida con cui il Collegio Ghislieri si prepara ad accogliere le nuove matricole e il ritorno degli studenti dopo le vacanze estive, in maniera tale da vivere il nuovo anno accademico in sicurezza e serenità, garantendo a tutti i vantaggi e il piacere della vita in Collegio.